Legge privacy 675 analisi dei rischi INTERNET E PRIVACY

 

 

 

Home - Consulenti Privacy

 

:. CHI SIAMO - CONTATTI

 

SERVIZI CONSULENZA

:. RISPOSTE PARERI SULLA PRIVACY

:. CONSULENZA PRIVACY

:. DOCUMENTO PROGRAMMATICO

:. VERIFICHE GRATUITE 

:. FORMAZIONE PRIVACY 

:. SICUREZZA INFORMATICA

:. NOTIFICAZIONE AL GARANTE

 

SEZIONE INFORMATIVA

:. PRIVACY IN PILLOLE

:. SANZIONI

:. CHI DEVE ADEGUARSI?

:. CONTROLLA ADEMPIMENTI

:. CODICE PRIVACY E NORMATIVA

:. PRIVATI E DIRITTO ALLA PRIVACY

 

ARTICOLI PRIVACY

dal 1997

 

NEWS ARTICOLI  

 

NORMATIVE ATTINENTI

:. TESTO UNICO BANCARIO

:. LEGGE 626/94

 

FAQ

 

SITI UTILI

 

:. Tribunali italiani

 

Policy privacy

 

INTERNET E PRIVACY: NON CONTROLLABILI SITI VISITATI DA DIPENDENTI

 

Non e' possibile controllare i siti visitati dai propri collaboratori e dipendenti. Lo ha detto il Garante per la privacy rispondendo alla segnalazione del sen. Fiorello Cortiana riguardo alla raccolta di informazioni effettuata dal vicepresidente del Senato Fisichella sui siti ai quali si sarebbe collegato il suo ex collaboratore Mattiello, licenziato in seguito ad una foto che lo ritraeva in un locale gay.

 

Il problema sugli elaboratori elettronici del Senato era sorto dopo che Fischella aveva affermato che il licenziamento del collaboratore era stato deciso senza che entrassero in gioco l'orientamento sessuale del collaboratore, ma che in base a successivi accertamenti era stato possibile "individuare ricorrenti collegamenti con siti del tutto estranei agli interessi di un ufficio pubblico".

 

Ma il prof. Stefano Rodota', sulla stessa linea del Presidente del Senato Marcello Pera che gia' si era espresso in merito, ha ribadito che "una rilevazione del genere non e' conforme a quanto disposto dal Codice per la protezione dei dati personali (Decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196), per di piu' in un contesto in cui assumono essenziale rilevanza la norma costituzionale sulla liberta' e la segretezza delle comunicazioni e le garanzie previste dallo Statuto dei lavoratori".

 

"In particolare - aggiunge il garante - non sarebbero rispettate le norme sulla legittimita' della raccolta e del trattamento dei dati personali e sulla tutela dei dati sensibili (dato che il semplice rilevamento dei siti visitati puo' rivelare convinzioni religione, opinioni politiche, appartenenza a partiti, sindacati o associazioni, stato di salute e indicazioni sulla vita sessuale)".

 

DAL SITO www.osservatoriosullalegalita.org